PERCHÉ SEI A FAVORE DEL CENTRO COMMERCIALE DI VALLE AURELIA?

PERCHÉ SEI A FAVORE DEL CENTRO COMMERCIALE DI VALLE AURELIA?

Miti da sfatare sulla costruzione del centro commerciale

Il centro commerciale darà lavoro agli abitanti del quartiere?

Chi ci assicura che i posti di lavoro che si creeranno con la nuova struttura commerciale saranno destinati agli abitanti del quartiere? Ma,soprattutto, di che tipo di
posti di lavoro si tratta? Il centro commerciale raccoglie grandi catene
che tipicamente non hanno particolare interesse nell’assumere gli
abitanti del quartiere, anzi! Da un lato infatti le assunzioni
potrebbero essere veramente poche perché l’azienda frequentemente già
dispone di esuberi inseribili nei turni del nuovo punto vendita.
Dall’altro lato i posti proposti sono precari e sottopagati! Vengono
richiesti, a fronte di un magro stipendio, turni di lavoro molto lunghi
e massacranti, con aperture domenicali e festive senza però il pagamento
degli straordinari, creando così le premesse di una perversa gara a chi
accetta le peggiori condizioni lavorative! E il lavoro che già c’è
invece? Certo è che il centro commerciale porterà alla chiusura di
alcune piccole attività commerciali di zona provocando così la perdita
di posti di lavoro, spesso di persone che abitano sul territorio.

Perché è una “bella opera”!

La realtà è che si tratta essenzialmente di una grande speculazione edilizia, che avrà un impatto fortemente negativo sulla vita del quartiere! L’opera farà aumentare il traffico stradale, già elevato nelle vie circostanti,aumentando il livello delle polveri
sottili e dell’inquinamento, trasformando un quartiere tranquillo come
il nostro in una zona trafficata e caotica,creando infine non pochi
problemi di parcheggio! Basti pensare che è prevista una bretella che
da via Anastasio II, tagliando monte Ciocci, si collegherà a via di
Valle Aurelia. Inoltre l’imponente quantità di cemento aumenterà il
rischio di allagamenti e frane, e non posso bastare le rassicurazioni
dei costruttori a tranquillizzarci. Anche la storia e la memoria del quartiere non è detto che vengano tutelate, il costruttore infatti restaurerà la fornace ma non si ha
nessuna garanzia rispetto a quale destinazione le darà il comune. Le
altre opere di compensazione, quelle destinate al quartiere per
capirci, sono poca cosa e per lo più utili solo al centro commerciale
stesso. Infine siamo preoccupati per la trasparenza, pensiamo solo che
negli ultimi anni l’iter dell’autorizzazione è andato avanti quasi di
nascosto e che a lavori praticamente iniziati il comune non ha ancora
reso pubblici alcuni documenti fondamentali.

Perché il quartiere sarà più vivibile!

Invece il centro commerciale trasformerà Valle Aurelia
nell’ennesimo, anonimo, quartiere dormitorio senza risolvere i problemi
di degrado che esistono ma anzi peggiorandoli. I prezzi degli affitti
aumenteranno e si aprirà la strada alla messa in vendita delle case
popolari, col risultato di una progressiva espulsione degli abitanti
verso zone sempre più periferiche! Come sta già avvenendo in tantissimi
quartieri a Roma e in tutta Italia. Anni fa è stato svuotato il
Borghetto, oggi viene convertito in una zona di lusso, e la costruzione
del centro commerciale faciliterà l’avvio della stessa operazione sul
resto del quartiere. Che si sia contrari o favorevoli è innegabile che
la costruzione del centro commerciale darà inizio ad una trasformazione
del quartiere. Senza una nostra attiva partecipazione le scelte su
questo sul territorio che viviamo continueranno a seguire gli interessi
di pochi, spesso a scapito dei nostri!

Spazio Sociale Ex 51

This entry was posted in Comunicato, Documenti, Iniziative and tagged , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *