Presentazione “BILIARDINO” di Alessio Spataro + TORNEO BILIARDINO 10 gennaio

10628789_1246121352081798_3318760041970654337_o

DOMENICA 10 GENNAIO
ORE 16 Torneo di Biliardino
ORE 19 Presentazione “BILIARDINO” di e con Alessio Spataro (BAO Publishing, 2015), presenta Checchino Antonini (giornalista)
ORE 21 30 Cena Goliardica

[Roma-Milan è stata anticipata a Sabato 9 gennaio alle 20.45, perciò non è più nella programmazione di questo evento; sarà, comunque, regolarmente proiettata Sabato 9.]

scheda del libro:
http://www.baopublishing.it/shop/dettaglio/978-Biliardino

blog del libro:
https://blogbiliardino.wordpress.com/

Alessio Spataro, dopo un monumentale lavoro di documentazione testuale e sul campo, ha creato un romanzo grafico stampato solo in rosso e blu (come i giocatori del biliardino), che ripercorre la storia del biliardino e del suo inventore più affezionato.
Il galiziano Alexandre Campos Ramirez (per i nemici Alejandro Finisterre) ha conosciuto Neruda, Camus, la fame, la paura, ed ha visto infine il proprio paese liberato. Il gioco che aveva pensato per consentire anche ai mutilati di guerra di sfidarsi a calcio non porta il suo nome, forse perché lui di nomi, per sfuggire ai fascisti, ne ha avuti tanti.
Questa è la sua storia, ma è anche la storia della liberazione dell’Europa dalla più odiosa delle tirannie.

Posted in Iniziative | Leave a comment

E-STREET 2015! 03-07 @ Valle dell’Inferno

è-street2015web

Posted in Iniziative | Leave a comment

Storie d’Alabastro e d’Anarchia – Sabato 7 Marzo @ Ex 51

alabastraiStorie d’alabastro e d’anarchia

Si scuotono la polvere dai vestiti con la stessa sincerità delle storie che ci raccontano. Sono i lavoratori dell’alabastro, che a Volterra hanno legato la propria vita a quella della pietra bianca locale, fatta per essere modellata. Attraverso i loro racconti ci si inoltra nelle botteghe dimenticate e in quelle di oggi, nelle osterie e nei vicoli testimoni di quelle persone magiche e sincere. Una categoria libertaria, colta, fantasiosa, rivoluzionaria, capace, intelligente, sfidava la banalità e la mediocrità del tempo.

E’ una storia in tre atti quella che Gianni Calastri e il Collettivo Distillerie raccontano. Una storia che parla di questo mondo attraverso una pubblicazione, un documentario e uno spettacolo teatrale.

Sovversivi, i lavoratori dell’alabastro nel Casellario Politico Centrale è l’ultima pubblicazione del Collettivo Distillerie, associazione culturale di Volterra che da anni lavora per la conservazione e la salvaguardia del mestiere.
A Volterra i lavoratori dell’alabastro non aderirono mai al fascismo, né vi si piegarono, ma lo fronteggiarono al prezzo di persecuzioni e repressione. Nei vuoti dei modelli in gesso per le sculture nascosero le armi e la stampa clandestina aspettando il momento buono per la rivoluzione.

Comunisti, socialisti, anarchici furono schedati dalla polizia, lasciando negli archivi dei nemici politici i loro volti fieri. Volti e storie che quest’opera oggi riporta alla luce. Fra antropologia e storia della fotografia criminale.

Il documentario Alabastrai, nato da un’idea di Duccio Benvenuti, Gianni Calastri e Bruno Signorini, così come lo spettacolo di e con Gianni Calastri, membro e fondatore del Teatro di Nascosto – Hidden Theatre, parla di noi, della Volterra in cui siamo cresciuti, le cui tracce faticosamente ancora riusciamo a scorgere nelle viuzze del centro, nelle rare botteghe artigiane, in qualche vecchia osteria, in cui le parole alabastro e alabastraio, suscitano immediatamente ricordi, accese discussioni, grandi bevute, imprese memorabili e aneddoti incredibili. I personaggi prendono forma dalla polvere bianca e si materializzano con i loro soprannomi e il loro spirito libertario nella miriade di botteghe che occupavano il centro di Volterra e ognuno di loro ha una storia da raccontare o una romanza da intonare, al fine della quale non deve mai mancare un buon bicchiere di vino rosso. Lo spettacolo è ulteriormente impreziosito dalla presenza in scena di scultori della pietra.

Posted in General | Leave a comment

Giovedì 20 Novembre ASSEDIAMO IL CONSIGLIO MUNICIPALE

20-novembre

Posted in General | Leave a comment

10 ANNI DI OCCUPAZIONE, AUTOGESTIONE, LIBERAZIONE

MANIFESTO_web

SPAZIO SOCIALE OCCUPATO EX 51

10 ANNI DI OCCUPAZIONE, AUTOGESTIONE,  LIBERAZIONE

 

programma:

DOMENICA 9 NOVEMBRE

“Alla scoperta della storia di Valle Aurelia”

Passeggiata per il quartiere con mostra fotografica itinerante. Partenza Parco Giovanni Paolo I ore 11:00

Pranzo al sacco

Pomeriggio autogestito dagli studenti delle scuole

ore 17:00

Showcase del Laboratorio Hiphop Meticcio StayReal e openMic

 

SABATO 15 NOVEMBRE

dalla mattinata Murales all’interno dell’Ex 51

ore 18:00

“L’ATAC al capolinea?”

dibattito con i lavoratori in lotta del Tpl e i Clash City Workers Roma

a seguire

Cena Sociale menù secondo la nostra miglior tradizione

SPAZIO SOCIALE EX 51

Via Aurelio Bacciarini 12, Valle Aurelia

Metro A Valle Aurelia – Treno fm3 Valle Aurelia – Bus: 490/495/906/892

Posted in Iniziative | Leave a comment

E’-STREET a Valle Aurelia_ Sab. 14/06/14

valleaurelia e'streetIn caso di pioggia, l’iniziativa è rinviata a Venerdì 20 Giugno.

Posted in Iniziative | Leave a comment

23 Maggio H. 21_Cena Sociale Benefit_ a sostegno delle spese legali della Fazenda

cenabenefit Fazenda

Posted in Iniziative | Leave a comment

23F Corteo a Massimina, Malagrotta SALVIAMO LA VALLE GALERIA

Domenica 23 febbraio si è svolto per le strade di Massimina e Casal Lumbro il Corteo “salviamo la Valle Galeria, Cambiamo il piano rifiuti” che ha visto la partecipazione di alcune centinaia di persone.

Alla manifestazione hanno preso parte i comitati e cittadini della valle Galeria, ma anche altri comitati laziali di Fiumicino, Albano Laziale, Cerveteri, Bracciano, Guidonia, la campagna Stop Biocidio Lazio, il Forum per l’acqua bene comune, il Coordinamento cittadino di lotta per la casa, il Comitato resistenza residence, i Centri Sociali macchia rossa ed Ex51.

Il corteo è stato lanciato dall’assemblea pubblica (a cui avevano partecipato circa 70 persone) tenutasi a massimina il 18 Gennaio ed è stato costruito in maniera orizzontale ed autorganizzata, senza l’appoggio di nessun partito, fin dal primo momento della sua costruzione.

La manifestazione ha avuto la capacità di inserire le rivendicazioni storiche della Valle Galeria (No alla riaccensione e al raddoppiamento dell’inceneritore, no all’ipotesi di costruzione di nuovi impianti a Biogas/Biomasse, chiusura dell’inceneritore ospedaliero, chiusura e bonifica vera della discarica di malagrotta, ritiro dell’Aia su monti dell’ortaccio, senza dimenticare i disastri degli ultimi sversamenti di petrolio e rifiuti ospedalieri) nel più ampio contesto di una contestazione radicale all’attuale modello di gestione dei rifiuti, ribadendo l’assoluta necessità della strategia dei rifiuti zero come unica soluzione possibile.

E’ stato quindi molto importante costruire sul nostro territorio una mobilitazione che di questa strategia generale facesse parte unendo i comitati di tutto il Lazio, è stato emozionante attraversare insieme le strade dei nostri quartieri, vedere le persone affacciate a finestre e balconi, comunicare le nostre idee e la nostra rabbia direttamente ed ad alta voce.

Attraversando le vie del quartiere si sono succeduti numerosi interventi dall’impianto di amplificazione: tanti territori e tante battaglie differenti. “Nè qui né altrove”, che scriviamo sui nostri striscioni e volantini, è sempre meno uno slogan e sempre più un percorso politico reale.

Particolarmente importante poi la partecipazione di movimenti che si battono su altri temi venuti a partecipare e portare solidarietà come il comitato resistenza residence (con la presenza in particolare del residence di casal lumbroso) e il coordinamento cittadino di lotta per la casa, poiché crediamo che unendo le lotte non solo si è più forti ma piano piano si scopre di non essere cosi diversi e sopratutto di avere davanti lo stesso nemico.

Infine ci è sembrata particolarmente positiva la presenza di molti migranti nel corteo, perchè l’aria che respiriamo è la stessa per tutti, e il mondo non si divide in nazionalità ma in sfruttati e sfruttatori, e noi sappiamo da che parte stare.

Posted in General | Leave a comment

Scarceranda 2014_Dibattito Legalità e conflitti_Ven 14/02/14

scarcerandaWeb

Posted in General, Iniziative | Leave a comment

STRADE SENZA NOME

stradesenzanome

“Strada……
Lunga strada
Strada del mondo
Piena fino in fondo
Delle voci del mondo
E a rifletterci, in fondo
anche le voci
di tempi andati: felici
infelici, di vergini di amanti
ingegneri,commercianti
lattai,banchieri,possidenti
massaie pimpanti
pubblicitari e studenti
che parlano parlano e avanti
parlando vanno avanti
sempre avanzanti,e fra i tanti
c’è chi davanti a una
finestra si blocca
e scocca sguardi sul mondo
cerca di vedere a fondo
che cosa mai,
così in tondo
anzi in un
gran girotondo
succede, se succede qualcosa a questo mondo.

[…]”
L. Ferlinghetti – La lunga strada.

Tre narratori scoccano i loro sguardi sul mondo, in quel grande girotondo che è la vita. Tre storie per viaggiare alla ricerca delle domande giuste, attraverso strade sconosciute, senza nome. Il teatro civile assume la forma del racconto immerso nella penombra del palcoscenico, unico partner: la fedele sedia di legno. Come le favole insegnano, ogni storia ne nasconde dietro sempre un’altra, basta solo aprire gli occhi e guardarci dentro, per scoprirne meraviglie… e orrori.

Posted in Iniziative | Leave a comment